Amore

Fin da quando siamo bambini il nostro modo di pensarci come possibile oggetto di amore è influenzato da ciò che respiriamo e viviamo. 

Cosi la famiglia, le relazioni, e gli affetti invece che essere un terreno dove apprendere e sperimentare l’amore possono diventare la base per sviluppare pensieri di disistima, di paura del rifiuto , di non merito.

Questi aspetti diventano poi parte di noi, del nostro modo di essere e anche del modo di manifestarsi del nostro corpo e pesano come macigni che ci danno la sensazione di non potere essere rimossi.    

L’abbraccio è la metafora corporea dell’accoglienza, della comprensione e della vicinanza.   

E’ una azione che ci coinvolge totalmente nutrendo il corpo,stimolando la psiche e coinvolgendo il cuore.
Ed è qualcosa che ci riporta a momenti e memorie corporee vissute o mancate.
Se nella nostra storia abbiamo la sensazione che ci sia mancato amore pur desiderando l’abbraccio altrui tendenzialmente siamo portati a negarcelo, a sottrarci e defilarci  perchè il pensiero che domina la nostra avita è non me lo merito.

Se al contrario ne abbiamo ricevuto in eccesso l’abbraccio può essere vissuto come qualcosa di soffocante e costrittivo.

L’abbraccio quindi è nel contempo un bisogno (di contatto , di accoglienza, di accettazione) e una metafora sulla nostra capacita di dare e ricevere , sul modo che utilizziamo per rapportarci con noi stessi e con gli altri, sulla nostra disponibilità a lasciarci andare e ad abbandonarci oltre che alla nostra capacita di accogliere e sostenere.

Sia il nostro corpo che la nostra mente sono saturi di vicende ed esperienze che molto spesso non percepiamo a livello razionale ma che trovano comunque modalità di espressione nell’ambito dei nostri comportamenti ed ancora di più nelle nostre percezioni.

Ma quale è dunque la matrice  di tali esperienze ?

Normalmente noi siamo abituati a prendere in considerazione soltanto quelle esperienze delle quali abbiamo coscienza e conoscenza; quelle cioè di cui ci ricordiamo razionalmente e che pertanto ci appaiono facilmente spiegabili  o perlomeno accettabili , anche dal punto di vista logico.

Esse possono essere  le più varie memorie relative alla nostra infanzia o a qualche particolare evento riguardante la nostra vita. Qualunque cosa di cui  abbiamo una precisa o indifferentemente vaga consapevolezza  ma riguardo alla quale siamo comunque  razionalmente in grado di dire che ci ha particolarmente colpito.

Può indifferentemente trattarsi di un intervento chirurgico che abbiamo subito , di una malattia , di situazioni relazionali insoddisfacenti o di fenomeni analoghi relativi alla fase infantile o adolescenziale e che tuttavia possono presentarsi anche in età adulta.

Questo tipo di esperienze non sono altro che il ripetersi  di situazioni che fanno parte della vita di ogni individuo  e che sommandosi si moltiplicano in maniera esponenziale contribuendo a creare quelle che sono le nostre modalità percettive.

Esse non sono pero’ l’origine bensi la conseguenza di qualche  cosa di ancora maggiormente traumatico ( intendendo questo termine non necessariamente come rappresentativo di una esperienza negativa, ma per individuare qualche cosa di profondamente toccante).

Per questo motivo nel mio lavoro le ho definite come esperienze consequenziali o secondarie , perché pur essendo presenti e fortemente influenti sulla vita e le percezioni di ognuno esse dipendono comunque da qualche cosa che va ancora al di la e che si trova in uno strato ancora più profondo, nascosto e cronologicamente precedente.

Esse derivano e sono fortemente influenzate da altre esperienze che le precedono e che appartengono al vissuto emozionale di ognuno di noi.

Il contatto fa parte del nostro patrimonio genetico ed emozionale ed è per questo che il nostro corpo ne ha una continua e costatante necessità.

Vuole essere toccato e accarezzato, massaggiato e stimolato ed ognuno di questi gesti porta con se e ci comunica un insieme di molteplici e spesso contrastanti sensazioni.

Questo avviene perché il contatto non è solo appagamento tattile ma anche e molto più spesso appagamento affettivo ed emozionale.

Il bisogno di contatto è dunque bisogno di accettazione, accoglienza, empatia e comprensione intendendo con questo quel naturale bisogno che l‘uomo ha di stabilire una relazione sincera ed autentica con i suoi simili, una relazione di fiducia reciproca e di sostegno che si manifesta soltanto  occhi negli occhi e mani nella mani.

Il motivo per cui dietro semplici tocchi ci sia tutto questo è determinato dal fatto che ogni volta che il nostro corpo vive un contatto si crea anche un collegamento con le componenti emotive ad esso associate che sono uniche e caratteristiche per ognuno di noi in quanto esprimono la nostra storia ed il nostro vissuto.

Il meccanismo che si innesca è di origine fisio – psicologica apparentemente complicato ma in realtà semplicissimo.

E’ come se si creasse un ponte, un collegamento fra la singola cellula e le emozioni in essa contenuta.

Una sorta di “memoria cellulare” di cui non siamo consapevoli e che però influenza le nostre percezioni ed è in grado di emergere e manifestarsi in determinate situazione.

La nostra esperienza di lavoro e le casistiche sulla risoluzione di alcuni disturbi di origine psicosomatica ci permette di dire che tre possono essere i fattori che predispongono alla manifestazione di tali memorie cellulari : il respiro opportunamente modulato e guidato, l’acqua calda e le stimolazioni tattili e sensoriali.

Ma l’abbinamento di questi tre elementi deve avvenire secondo modalità non standardizzate ma che tengano in considerazione la reale situazione di ogni persona cosi da permettere con estrema facilità non solo la manifestazione ma anche la dolce e non traumatica integrazione di tali componenti emotive.