Archivi del mese: giugno 2010

Sia il nostro corpo che la nostra mente sono saturi di vicende ed esperienze che molto spesso non percepiamo a livello razionale ma che trovano comunque modalità di espressione nell’ambito dei nostri comportamenti ed ancora di più nelle nostre percezioni.

Ma quale è dunque la matrice  di tali esperienze ?

Normalmente noi siamo abituati a prendere in considerazione soltanto quelle esperienze delle quali abbiamo coscienza e conoscenza; quelle cioè di cui ci ricordiamo razionalmente e che pertanto ci appaiono facilmente spiegabili  o perlomeno accettabili , anche dal punto di vista logico.

Esse possono essere  le più varie memorie relative alla nostra infanzia o a qualche particolare evento riguardante la nostra vita. Qualunque cosa di cui  abbiamo una precisa o indifferentemente vaga consapevolezza  ma riguardo alla quale siamo comunque  razionalmente in grado di dire che ci ha particolarmente colpito.

Può indifferentemente trattarsi di un intervento chirurgico che abbiamo subito , di una malattia , di situazioni relazionali insoddisfacenti o di fenomeni analoghi relativi alla fase infantile o adolescenziale e che tuttavia possono presentarsi anche in età adulta.

Questo tipo di esperienze non sono altro che il ripetersi  di situazioni che fanno parte della vita di ogni individuo  e che sommandosi si moltiplicano in maniera esponenziale contribuendo a creare quelle che sono le nostre modalità percettive.

Esse non sono pero’ l’origine bensi la conseguenza di qualche  cosa di ancora maggiormente traumatico ( intendendo questo termine non necessariamente come rappresentativo di una esperienza negativa, ma per individuare qualche cosa di profondamente toccante).

Per questo motivo nel mio lavoro le ho definite come esperienze consequenziali o secondarie , perché pur essendo presenti e fortemente influenti sulla vita e le percezioni di ognuno esse dipendono comunque da qualche cosa che va ancora al di la e che si trova in uno strato ancora più profondo, nascosto e cronologicamente precedente.

Esse derivano e sono fortemente influenzate da altre esperienze che le precedono e che appartengono al vissuto emozionale di ognuno di noi.

Il contatto fa parte del nostro patrimonio genetico ed emozionale ed è per questo che il nostro corpo ne ha una continua e costatante necessità.

Vuole essere toccato e accarezzato, massaggiato e stimolato ed ognuno di questi gesti porta con se e ci comunica un insieme di molteplici e spesso contrastanti sensazioni.

Questo avviene perché il contatto non è solo appagamento tattile ma anche e molto più spesso appagamento affettivo ed emozionale.

Il bisogno di contatto è dunque bisogno di accettazione, accoglienza, empatia e comprensione intendendo con questo quel naturale bisogno che l‘uomo ha di stabilire una relazione sincera ed autentica con i suoi simili, una relazione di fiducia reciproca e di sostegno che si manifesta soltanto  occhi negli occhi e mani nella mani.

Il motivo per cui dietro semplici tocchi ci sia tutto questo è determinato dal fatto che ogni volta che il nostro corpo vive un contatto si crea anche un collegamento con le componenti emotive ad esso associate che sono uniche e caratteristiche per ognuno di noi in quanto esprimono la nostra storia ed il nostro vissuto.

Il meccanismo che si innesca è di origine fisio – psicologica apparentemente complicato ma in realtà semplicissimo.

E’ come se si creasse un ponte, un collegamento fra la singola cellula e le emozioni in essa contenuta.

Una sorta di “memoria cellulare” di cui non siamo consapevoli e che però influenza le nostre percezioni ed è in grado di emergere e manifestarsi in determinate situazione.

La nostra esperienza di lavoro e le casistiche sulla risoluzione di alcuni disturbi di origine psicosomatica ci permette di dire che tre possono essere i fattori che predispongono alla manifestazione di tali memorie cellulari : il respiro opportunamente modulato e guidato, l’acqua calda e le stimolazioni tattili e sensoriali.

Ma l’abbinamento di questi tre elementi deve avvenire secondo modalità non standardizzate ma che tengano in considerazione la reale situazione di ogni persona cosi da permettere con estrema facilità non solo la manifestazione ma anche la dolce e non traumatica integrazione di tali componenti emotive.

 

AMORE A SECONDA VISTA
Re innamorarsi di Se
Esperienza evolutiva di gruppo

Laveno Mombello (VA), 28-29-30 Maggio 2010 

Capita nella vita di perdere il contatto con se stessi, di guardare al passato
e avere rimpianti per non essere stati capaci di realizare sogni, condurre in
porto progetti, mantenere una relazione.
Capita di avere la sensazione di interpretare un copione che sentiamo
non appartenerci più, come se quella fosse l’unica soluzione possibile senza la
quale non possiamo vivere, essere amati o relazionarci.
Amore a seconda vista è un seminario per riscoprire e fare emergere quella parte
di se che ancora non ha trovato il modo di esprimersi per convenzioni, per
convenienza o per paura per imparare che i panni che vestiamo se diventano scomodi
possono essere cambiati.


 

EMOZIONARSI FA BENE
Farsi amiche le emozioni 
Esperienza evolutiva di gruppo

 Milano, 26-27-28 Febbraio 2010 

Sono un viaggiatore e un navigatore perché ogni giorno scopro qualche nuova
emozione nella mia anima.
Un divertente e intenso seminario che ci insegna a riconoscere, vivere e sentire
le emozioni non come un limite ma come una opportunità.


 

INNOCENTI PER SEMPRE
Lasciare andare il  senso di colpa
Esperienza evolutiva di gruppo

 Montegrotto Terme (PD), 12-13-14 Novembre 2009

Non trovo la pace nel rimpianto ma nel perdono di ciò che è stato e che ho pensato.
Uno dei più frequentati seminari di Gian Marco Carenzi per affrontare il tema del
senso di colpa e di come esso viva nel nostro corpo e sia legato alle nostre
percezioni. 


 

.

La sintomatologia classica di questa manifestazione è sostanzialmente legata a manifestazioni di tipo respiratorio , in cui il normale ritmo viene alterato determinando un aumento della frequenza ed una diminuzione della profondità .

La conseguenza è la sensazione da parte della persona di non riuscire a respirare bene, come se avesse fame di aria, con sensazioni di angoscia profonda e a volte apparentemente incontrollabile.

Spesso alla base di queste reazioni c’è una sollecitazione emotiva che , nella maggior parte dei casi è collegabile alla realtà che si sta vivendo ( fare un esame , parlare in pubblico, dover superare una prova eccetra ).

Ma in altri esse insorgono senza che vi sia alcun dato obiettivo che, in individui sani e realizzati le possa far prevedere.

L’unica differenza esistente è la apparente mancanza dello stimolo emozionale.

In realtà esso è comunque presente ed anche in questo caso viene scatenato dalla situazione che stiamo vivendo , soltanto che noi non lo percepiamo razionalmente, in quanto celato nella nostra struttura corporea e psichica .

Qualunque situazione, anche la più banale , può nascondere qualcosa che ci ricollega ad un nostro vissuto, ad un nostra memoria cellulare , ma ovviamente nella maggior parte dei casi non abbiamo la minima idea di quale sia la componente emotiva che essa possa  avere stimolato.

Ciò che percepiamo è che il nostro organismo reagisce in maniera diversa , forse nuova , ma sicuramente non congeniale.

In tutti questi casi generalmente la prima reazione è quella di trattenere il respiro , il che genera immediatamente oltre che una inibizione delle naturali risorse a cui l’organismo ricorre, anche una subventilazione che prima o poi dovrà essere compensata.

L’organismo tenta quindi di ripristinare i corretti meccanismi respiratori, ma quando questo avviene , in modo del tutto involontario , i suoi effetti sono accentuati e la conseguente iperventilazione può provocare sensazioni quali formicoli , senso di svenimento o giramenti di testa., che a loro volta favoriranno ulteriore preoccupazione e probabilmente paura.

Nella maggior parte dei casi , quando una persona  prova improvvisamente questa situazione, non è preparata ad affrontarla , e ne rimane colpita al punto di vivere nel timore che essa possa ripetersi , determinando una perdita di controllo.

Ella sarà quindi inconsciamente portata a mantenere un ritmo respiratorio ancora più inibito creando di fatto le premesse per cui , al primo stimolo emotivo , si generino nuovamente i fenomeni sopra descritti.

Durante le sedute di respirazione metacorporea la componente emozionale collegata al respiro è molto forte e farne esperienza  permette  di vivere queste situazioni in maniera del tutto diversa, attiva e consapevole anziché passiva e rassegnata, , dando spazio alle percezioni fisiche ed emotive con la certezza che esse sono del tutto prive di conseguenze ed innocue.

Il grosso vantaggio di questa situazione non è solo acquisire la capacità di superare il momento intrinseco , ma anche evitare che al primo segnale di alterazione respiratoria , la paura che possa nuovamente insorgere il fenomeno , contribuisca di fatto alla sua accentuazione.

Il nostro corpo parla, non soltanto con la mimica o con la gestualità.

Parla tramite la pelle, con la temperatura, la sudorazione, la salivazione.

Parla con il respiro e con la pressione sanguigna, con i battiti cardiaci e con la stanchezza. Ma anche, e soprattutto, con la sua struttura esterna: la postura, la localizzazione di depositi di grasso, l’immagine che trasmette al mondo di noi stessi.

Tutto ciò avviene in ogni attimo di ogni giorno della nostra vita, con una frequenza, quindi, ed una intensità molto superiori a qualunque altra forma espressiva.

Il corpo è dunque il più potente, fornito ed attento strumento di valutazione delle situazioni, che ognuno di noi possiede.

Eppure, nonostante tutto questo, la cosa più difficile per noi è ascoltarlo.

Esso ci invia continuamente dei messaggi, dei precisi segnali che noi, noncuranti del loro significato, abitualmente tendiamo ad eludere se non addirittura a reprimere.

Guarire la mente, dunque, per guarire il corpo, star bene con se stessi per stare bene con gli altri, accettare le emozioni per accettarsi.

Questo è il vero significato del potere del nostro corpo. Spetta a noi, ancora una volta, assumerci la responsabilità di scegliere se recepirli o meno perché emozioni vissute ed io corporeo (cioè l’immagine che abbiamo e che diamo di noi stessi) sono, una volta ancora, indissolubilmente collegate.

Ciò non significa soltanto che le nostre emozioni danno origine a fenomeni che si ripercuotono sul piano fisico ma anche che, se lo vogliamo, possiamo dare una lettura diversa ad alcuni aspetti che caratterizzano il nostro corpo per capire quale può essere l’emozione che li ha generati.

In sostanza… non guarire le emozioni ma guarire con le emozioni.